loading

Dall'Atlantico al Meno: Opel Corsa A GT nel suo viaggio di 2.700 km da Porto a Rüsselsheim

Il sole giallo della città di Porto è luminoso come l'ultima acquisizione di Opel: una rara Corsa A modello GT. La piccola e poco conosciuta Gran Turismo è parcheggiata proprio accanto all'omonimo porto della città costiera portoghese. Faceva parte della gamma Opel tra l'aprile del 1985 e l'autunno del 1987. Destinata a sostituire la Corsa SR, era originariamente dotata di un motore a quattro cilindri da 1,3 litri il cui carburatore poteva erogare circa 70 CV in una buona giornata.

Con quei cavalli impazienti sotto il cofano e il suo discreto spoiler, era la punta di diamante sportiva della prima generazione Corsa, seguita dalla super potente GSi nel 1988. Era anche un gioiellino con il suo cambio a cinque marce studiato per tenere a bada un motore ruggente quando aumentava il ritmo di marcia. Il che è un bene, perché la nostra GT stava per intraprendere il suo grand tour da Porto a Rüsselsheim.

Ci vollero diversi mesi prima che Opel trovasse finalmente un modello autentico come questo tesoro automobilistico. Immatricolata originariamente in Spagna, era rimasta a lungo nell'oscurità di un garage portoghese. Dopo un controllo in officina, l'affare fu concluso. Come ci si aspetterebbe, eravamo determinati a portare questo gioiello d'auto in Germania con stile, forte del suo motore. Il capo della piccola officina ci consegna le chiavi e le scartoffie senza tanti preamboli. Ci assicura che la macchina è in buone condizioni tecniche, ma rifiuta la nostra offerta di una foto per celebrare la nostra partenza.

Come dice lui stesso, la Opel Corsa è in ogni caso la più fotogenica. Guardando la GT, è difficile credere che abbia lasciato lo stabilimento Opel di Saragozza, in Spagna, nel lontano 1987. Non ci sono segni di ruggine e i sedili sono ancora confortevoli come il giorno in cui fu costruita. Il contachilometri segna 38.000 chilometri; se i numeri sono corretti, la nostra Opel Corsa non ha nemmeno fatto il giro del globo nei suoi 32 anni. Lasciamo che i guidatori sprofondino brevemente in un pingo - il tipico espresso portoghese, servito con una spruzzata di latte. Poi è il momento di fare velocemente il pieno alla GT. Riempire il serbatoio da 42 litri richiede solo un po’ più di tempo dei 12,5 secondi necessari per passare da zero a 100 km/h.

Non appena ci siamo lasciati alle spalle le ultime case di Porto adornate di azulejos e imbocchiamo l'auto-estrada in direzione nord-est, la Opel Corsa inizia a dimostrare esattamente perché merita l’appellativo "GT", scivola silenziosamente nel traffico con facilità consumata.

Il telaio allontana qualsiasi richiamo ad una guida eccessivamente dura, e non si avverte una sensazione di gioco in eccesso nemmeno nello sterzo. Nel frattempo, il quadro strumenti combinato ci fornisce una serie incredibili di informazioni. Oltre a tutti i soliti dati, indica anche la pressione dell'olio e la velocità di rotazione del motore. In verità, non siamo così fiduciosi nel piccolo indicatore del carburante. È davvero sopravvissuto indenne a tutti quegli anni? Quell'ago si muove molto lentamente...

Ma dopo poche ore si scopre che il consumo di carburante della GT è assolutamente coerente con le specifiche del produttore: il “diavoletto” della velocità raramente ha bisogno di più di sei litri per 100 chilometri. Naturalmente, questo è in parte dovuto ad una riduzione del peso a circa 750 kg, il che significa che la macchina leggera vanta un rapporto peso-potenza di 10,71 kg per cavallo.

Un viaggio su strada di 2.700 chilometri

La Opel Corsa GT coglie la sua prima occasione per giocare la sua carta vincente sulle strade serpeggianti del Parque Natural de Montesinho. La Opel si fa strada rapidamente e con precisione, cresta dopo cresta, nonostante la mancanza di servosterzo. Come molte tappe di rally combattute in questa parte del mondo, l’elegante procedere attraverso la bellissima campagna del nord del Portogallo viene interrotto dal "controllo di velocità".

Fortunatamente per noi, dopo un po’ di perplessità sul perché due tedeschi possano guidare una Opel spagnola lungo le tranquille strade secondarie del Portogallo rurale, gli agenti di polizia ci salutano amichevolmente e partiamo per la tappa successiva del nostro viaggio. È ora di pranzo. C'è solo un ristorante per uomini d’affari aperto nel tranquillo villaggio di montagna di Vinhais. La cuoca è felicissima di vederci, ma parla solo portoghese.

Poiché il nostro vocabolario è limitato solo alle parole essenziali - come "perdita di potenza" e "gomma a terra" - fa una rapida chiamata a suo figlio, che si prodiga a spiegarci il menu in inglese al telefono. Dopo un po' di buona cucina locale e un veloce bicchiere di porto per il navigatore, la cuoca ci lascia ripartire con un abbraccio e un caloroso "boa viagem".

Il viaggio è un vero piacere, e dopo poche centinaia di chilometri percorsi e un breve riposo notturno ci ritroviamo con le onde rinfrescanti dell'Oceano Atlantico che lambiscono i nostri piedi. Celebriamo il nostro arrivo con una tortilla de patatas, quattro cortados e 40 litri di carburante a 95 ottani. E il consumo d’olio? Zero! La GT arriva a Bilbao, la città più grande della regione autonoma basca, nel modo più rilassato.

Spagna, stiamo arrivando!

Facciamo una visita al Museo Guggenheim mentre il nostro “compagno giallo” fa un pisolino. Alla fine, lo svegliamo dal suo sonno per un’escursione in questa vivace città. Siamo colpiti ancora una volta dalla comodità di guida di Corsa e dalla facilità con cui si inserisce negli spazi di parcheggio più piccoli.

La tappa serale della giornata ci porta lungo l'Ebro, il secondo fiume più lungo della Spagna. La Opel attraversa la famosa regione vinicola della Rioja e arriva a Saragozza proprio mentre l'oscurità inizia a calare sulla città. Siamo accolti dal rumore delle gocce di pioggia che battono contro il parabrezza e offuscano la sagoma della Cattedrale “Basílica del Pilar”, marchio di fabbrica della città.

Ballando attraverso i vicoli

Dall'Atlantico al Meno: Opel Corsa A GT nel suo viaggio di 2.700 km da Porto a RüsselsheimScegliamo con cura la nostra strada attraverso il centro storico. Il proprietario dell'albergo ci aveva avvertito senza mezzi termini che trovare la sua apprezzata struttura non sarebbe stato un compito facile. Certamente, il viaggio attraverso gli stretti vicoli non è per i deboli di cuore. Quindi è un bene che la Opel Corsa abbia l'agilità di un gatto, soprattutto dato che il parcheggio sotterraneo dell'hotel ha lo stesso spazio di manovra della fossa di un ascensore. Il portiere indica lunghe scorticature lungo il muro mentre spiega come una VW Passat si fosse appena incastrata in modo orribile.

La mattina dopo, abbiamo un evento a cui partecipare. All'ora stabilita, la Opel Corsa parcheggia davanti ai cancelli del vicino stabilimento di Groupe PSA. Lo stabilimento è oggi uno dei più grandi del Gruppo da quando è stato aperto 36 anni fa. Oltre alla nuova Opel Corsa, la fabbrica produce anche Opel Crossland, nonché la Citroën C3 Aircross. La GT è fortunata. Oltre ad avere ottenuto accesso allo stabilimento, le è concesso anche di dare un'occhiata alle linee di produzione, le stesse in cui fu costruita nel 1987.

Mentre la GT gialla si ferma vicino alla catena di montaggio, molti membri del personale più anziano vengono a salutarla come fosse un vecchio amico. Il suo arrivo è un'ottima scusa per scambiare storie sui primi giorni dello stabilimento. Mentre parlano, una Opel Corsa di quinta generazione esce dalla linea di produzione e ci raggiunge per una foto di famiglia, facendo sembrare la GT il suo fratello maggiore, anche se più piccolo. In effetti, è proprio così, dal momento che la Opel Corsa moderna è più grande persino della Opel Kadett E degli anni '80. Lo staff spagnolo della Opel scatta ancora un paio di fotografie prima di rimetterci in viaggio, diretti a Barcellona.

Un'altra tappa in Catalogna

La GT raggiunge Barcellona a 140 km/h. Deve fare un po’ di giri turistici. Partendo dall'imponente Montjuïc, viaggia di notte per le strade fino a raggiungere l'Hospital de Sant Pau, visione illuminata dell'Art Nouveau catalano, e poi avanti fino all'arco trionfale che la gente del posto chiama Arco di Trionfo, un tempo ingresso principale dell’Esposizione Universale del 1888.

Il tempo vola quando ci si diverte, e anche se il nostro compagno di viaggio spagnolo si sente a casa qui, dobbiamo comunque svegliarlo prima dell'alba. Dopo una breve sosta alla famosa Sagrada Família, la macchinina con il l’emblema del fulmine si rimette in viaggio, facendosi strada nel traffico intenso del primo mattino sulla collina che porta al cimitero di Montjuïc.

L'ultima tappa completa del viaggio inizia con un pit stop non programmato. Subito dopo il primo casello della giornata, è stato allestito un posto di blocco della polizia e i “ragazzi in azzurro” decidono di fermare la piccola GT. Le loro domande hanno un suono familiare per loro: cosa ci fanno due tedeschi su una vecchia Opel Corsa immatricolata in Spagna?

I nostri amici in uniforme sono poco convinti quando gli diciamo che il nostro veloce “demonietto” è partito dal Portogallo due giorni prima e sarà consegnato a Rüsselsheim il giorno successivo. Solo dopo aver dato una buona occhiata a tutti i nostri bagagli e controllato il display della nostra fotocamera digitale, accettano la nostra probabile storia. Finalmente si sente un "buen viaje", che ricorda i colleghi portoghesi, e riprendiamo il viaggio verso la Francia e la Svizzera.

La velocità inizia a crescere subito dopo aver raggiunto Basilea. Mentre attraversiamo il confine con la Germania, il traffico intorno alla nostra Opel Corsa inizia ad aumentare e tenere il passo diventa sempre più una sfida. Teoricamente, può arrivare ad una velocità di 166 km/h, ma non siamo così sicuri di poterlo fare. Decidiamo invece di percorrere gli ultimi 300 km al nostro ritmo di marcia nella corsia di destra, spesso deserta. Ci dà un po' più di tempo per respirare l'odore degli anni '80, tamburellare le dita sul modesto cruscotto e sprofondare nel velluto dei sedili sportivi.

Anche l'ultima tappa è passata senza problemi. Arriviamo a Rüsselsheim e consegniamo la Corsa GT al team di Opel Classic.

Alla fine del viaggio, rimaniamo colpiti da due cose: primo, come sono diventate moderne le piccole auto di oggi, soprattutto per quanto riguarda il comfort; e secondo, non ci vuole davvero molto per divertirsi al volante.

Torna all'inizio